Riso Rosso Fitoattivato

da Fitosofia
€22.50

RISO ROSSO FITOATTIVATO

Riso Rosso Fitoattivato è un integratore alimentare a base di Monascus da riso rosso fermentato, vitamine, oligoelementi ed estratti vegetali, sapientemente miscelati per favorire il benessere del sistema cardiovascolare proteggendolo dai danni provocati dai radicali liberi. Grazie alla sinergia degli ingredienti 100% naturali, Riso rosso fitoattivato aiuta a ridurre il colesterolo ed i trigliceridi in eccesso.

Fito-attivi di Riso Rosso Fitoattivato

Monascus porpureus
Il riso rosso fermentato è un alimento utilizzato in Cina fin da tempi antichi.
Nel 1979 è stato scoperto che un ceppo di lievito (Monascus purpureus) presente all’interno del riso rosso, produceva una sostanza naturale, Monacolina K, in grado di inibire la sintesi del colesterolo. Essa agisce su una tappa della biosintesi del colesterolo, inibendo HMG-CoA reduttasi, un enzima coinvolto nella trasformazione dell’HMG-CoA in acido mevalonico, un precursore del colesterolo e mantenendo a valori fisiologici il colesterolo. La Monacolina K è strutturalmente identica alla Lovastatina, la prima statina introdotta nel mercato. La colorazione rossa del riso fermentato è dovuta alla produzione di diversi pigmenti da parte del Monascus; esso produce inoltre sostanze batteriostatiche, steroli e acidi grassi mono e poli-insaturi. L'azione ipolipemizzante del riso rosso fermentato è stata documentata da diversi studi sia nell'uomo sia sull'animale. Uno studio condotto in Cina su 324 soggetti dislipidemici, dopo 8 settimane di assunzione di riso rosso fermentato, ha evidenziato una riduzione del colesterolo totale pari al 23%, del 31% delle LDL e del 34% trigliceridi, mentre i livelli di colesterolo HDL sono aumentati del 20%.

Betasitosterolo
Il betasitosterolo appartiene alla famiglia degli steroli vegetali, composti naturali estratti dalle piante, nelle quali svolgono un'attività biologica simile a quella che il colesterolo svolge nelle cellule animali.
Il betasitosterolo presenta una certa affinità strutturale con il colesterolo pertanto la sua azione ipocolesterolemizzante si esplica limitando l'assorbimento del colesterolo a livello intestinale, competendo con esso per essere incorporato all'interno delle micelle; il colesterolo non incorporato nelle micelle forma dei cristalli e viene eliminato attraverso le feci. Pertanto l'efficacia del betasitosterolo sulla riduzione del colesterolo LDL risulta massima specialmente in caso di eccessiva assunzione con la dieta.

Policosanoli
I policosanoli sono sostanze naturali presenti in diverse cere naturali ed in particolare nella canna da zucchero; chimicamente si tratta di una miscela di alcol alifatici primari a lunga catena il cui componente più importante sembra essere l'octacosanolo. I Policosanoli sono importanti antiossidanti che deprimono con un meccanismo concentrazione-dipendente l'espressione della HMG-CoA-reduttasi probabilmente con meccanismi recettoriali che inibiscono la trascrizione del gene che codifica per questo enzima; di conseguenza i policosanoli non bloccano la colesterogenesi inattivando l' HMG-CoA-reduttasi, ma agiscono diminuendo il numero delle molecole di questo enzima disponibili per la sintesi del colesterolo. I policosanoli favoriscono l'ingresso del colesterolo LDL nelle cellule e la sua successiva demolizione con produzione di energia per la cellula stessa; inoltre possiedono altre proprietà utili alla salute dell'apparato cardiovascolare: riducono l'ossidazione delle lipoproteine, e svolgono un'importante azione antiaggregante piastrinica prevenendo la possibile formazione di trombi responsabili di infarto miocardico, ischemia cerebrale e insufficienza arteriosa periferica. I policosanoli sono stati l’oggetto di numerosi studi clinici dai quali è pervenuta la dimostrazione che una dose orale giornaliera compresa fra 5 e 20 mg diminuisce i livelli plasmatici del colesterolo LDL con un'efficacia comparabile con quella di 20-25 mg di statine e di aumentare significativamente i livelli del colesterolo HDL; mentre la riduzione dei trigliceridi è risultata modesta (come del resto avviene con molte statine).

Acerola
I frutti dell’acerola sono una delle fonti più generose di vitamina C; contengono anche buone quantità di vitamine B1, B2, B3, B5, B6, provitamina A e vari sali minerali tra cui ferro, calcio, fosforo, potassio, magnesio; grazie alla ricchezza in vitamina C, l'Acerola può contribuirealla diminuzione del colesterolo totale e della pressione arteriosa, favorendo l'aumento dei livelli di colesterolo HLD e l'inibizione dell'aggregazione piastrinica. Uno dei maggiori studi sulla vitamina C ha evidenziato la correlazione tra il contenuto di questa vitamina nel sangue ed i valori di trigliceridi e colesterolo HDL: per ogni aumento di 0,5mg/dl del contenuto di vitamina C nel sangue, il colesterolo HDL sale di 14,9mg/dl nelle donne e di 2,1mg/dl negli uomini; per ogni incremento dell'1% del colesterolo HDL, il rischio di cardiopatia scende del 4%.

Vinaccia
La vinaccia , ovvero la buccia dell'uva comprensiva dei vinaccioli, è ricchissima di antocianidine, una classe di antiossidanti polifenolici a cui appartiene anche il resveratrolo. Queste molecole vengono prodotte dalle vite in risposta a stress, lesioni, infezioni fungine e radiazioni UV per proteggere la pianta. Diversi studi farmacologici hanno dimostrato come gli antocianosidi possiedano proprietà antiossidanti, cardioprotettive, antinfiammatorie e anticarcinogenetiche. Grazie alle proprietà antiossidanti esercitano un'azione inibente sulle reazioni che conducono alla perossidazione delle lipoproteine a bassa densità (LDL) evitando in tal modo gli effetti citotossici che sono alla base di molteplici processi degenerativi.

Vitamina E
La Vitamina E è il principale antiossidante in fase lipidica dell'organismo. Si trova all'interno delle membrane cellulari e delle molecole trasportatrici ed ha una funzione di stabilizzazione e protezione di queste strutture nei confronti delle sostanze tossiche. La Vitamina E previene l'ossidazione del colesterolo e delle proteina trasportatrici, generalmente molto sensibili ai danni da radicali liberi; protegge anche le arterie dai danni ossidativi e favorisce l'aumento del colesterolo HDL.

Vitamine B6-B9-B12
Questo complesso vitaminico aiuta a controllare i livelli plasmatici di omocisteina, un metabolita intermedio della conversione dell'aminoacido metionina in cisteina; questo amminoacido solforato se è presente in eccesso può danneggiare direttamente le arterie e compromettere l'integrità delle pareti dei vasi sanguigni pertanto può rappresentare un fattore di rischio per malattie cardiovascolari come aterosclerosi, infarto miocardico, ictus cerebrale e trombosi. L'acido folico (Vitamina B9) è necessario per la metilazione dell'omocisteina e la sua trasformazione in metionina; è fondamentale anche per correggere la disfunzione endoteliale e ridurre la formazione di radicali e delle placche ateromatose. Diversi studi hanno confermato che associando all'acido folico le Vitamine B6 e B12 si ottengono maggiori benefici nella metabolizzazione dell'omocisteina e nella sua trasformazione in composti non dannosi. Inoltre la Vitamina B6 (piridossina) è in grado di inibire l'aggregazione piastrinica e ridurre la pressione arteriosa.

Selenio
Il Selenio è un oligoelemento che agisce principalmente come componente dell'enzima antiossidante glutatione perossidasi, che opera insieme alla vitamina E nel prevenire i danni prodotti dai radicali liberi alle membrane cellulari; è un antagonista di metalli pesanti come piombo, mercurio, alluminio e cadmio ed è coinvolto nella sintesi degli ormoni tiroidei. Il selenio fornisce protezione nei confronti delle cardiopatie e dell'infarto miocardico grazie alla sua capacità di aumentare il rapporto tra colesterolo HDL e LDL ed inibire l'aggregazione piastrinica.

Indicazioni: ipercolesterolemie, ipertrigliceridemie, iperlipidemie, mantenimento del benessere cardiovascolare.

Avvertenze: Riso rosso fitoattivato è sicuro e privo di controindicazioni anche per un uso prolungato nel tempo. Se ne sconsiglia l'utilizzo in gravidanza, durante l'allattamento ed in soggetti con grave insufficienza epatica e renale. Poiché gli inibitori della sintesi del colesterolo, come tutte le statine e biostatine, tendono a ridurre la sintesi di coenzima Q10, un potente antiossidante presente in tutte le cellule dell'organismo, è bene associare l'integrazione di questa sostanza.

Modo d'uso: Si consiglia l'assunzione di 1-2 capsule al giorno, preferibilmente prima di cena, deglutite con acqua o bevande. L'effetto benefico si ottiene con l'assunzione giornaliera di 10mg di Monakolina K da Riso rosso fermentato.

Ingredienti: Riso Rosso Fermentato (Monascus Purpureus) Estratto Secco, Betasitosterolo, Vinaccia (Vitis Vinifera L.) Estratto Secco, Potassio Gluconato, Zinco Gluconato, Policosanoli Da Estratto Di Canna Da Zucchero (Saccharum Officinarum), Acerola (Malpighia Punicifolia L.) Frutti Estratto Secco, Vitamina E Naturale (D-Alfa Tocoferolo), Piridossina Cloridrato (Vitamina B6), Acido Folico (Vitamina B9), Selenito Di Sodio, Cianocobalamina (Vitamina B12), (Per La Capsula) Gelatina.

Associazioni consigliate:
Ipercolesterolemia e ipertrigliceridemia: Omega 3, Detox, Vitamin C fitoattivata
Benessere dei sistema cardiovascolare:Omega 3, Vitamin C fitoattivata, Aglio olivo biancospino

Formato: 30 capsule da 580mg