Ortica Radice, 50ml

da Fitosofia
€13.90

Qualità: i semi sono caldi e secchi. Tutte le parti sono abbastanza equilibrate anche se prevale la presenza del Calore.
Sapore: acre-aspro-acidulo.

Azioni
Diuretica, afrodisiaca (i semi), purga i reni, ammorbidisce le durezze intestinali, dissolve il meteorismo e mitiga gli spasmi. Blocca l'ematemesi (eliminazione di sangue con il vomito), per le affezioni da Freddo delle vie respiratorie, come tosse ed asma. Stimola l'utero, è emmenagoga, mitiga la tosse cronica e giova ai dolori articolari. Favorisce l'eliminazione dell'umidità densa e viscosa. Distribuisce, è afrodisiaca. Sulla superficie si trova una sostanza calda e bruciante, all'interno una parte Fredda. Cicatrizza le ulcerazioni cutanee e quelle viscerali. Si può utilizzare anche per via esterna.

Organotropismo
reni, fegato, utero, intestino.

Tradizione e storia
Urtica dioica, dal latino urere “irritare, bruciare” e dioica “casa”, per la particolarità di portare fiori maschili e femminili su piante diverse. Nella medicina antica le veniva attribuita una natura temperante, in grado di agire sui grossi umori, favorendo i processi di eliminazione. Plinio annota virtù emostatiche, Dioscoride e Galeno confermano proprietà diuretiche, depurative ed emmenagoghe, scrive anche del suo uso esterno nelle ulcerazioni e nei tumori della pelle, oltre che nelle epistassi. Mattioli scrive “le fronde giovano ai morsi dei cani, sanano le gangrene, le ulcere sordide, giovano ai difettosi di milza, messe trite con il succo nel naso vi ristagnano il sangue, peste con mirra e applicate sotto provocano i mestrui, con il miele giova ai difetti di petto, alle infiammazioni dei polmoni.” Castore conferma che il succo “blocca vomiti di sangue che nascono dal petto... alle ulcere sordide. Rimedio popolare per tossi, diarree, emorroidi, enuresi infantile, orticaria ed eczema, la pratica delle urticazioni per i dolori articolari e reumatici era trattata già nel I Sec. d.C. L'abate Kneipp la riteneva fondamentale per le virtù antianemiche e depurative. E' considerata pianta calda in grado di trattare le sindromi da vento-umidità.

Indicazioni secondo l'uso tradizionale
Acne, Allattamento, Anemia, Artrite, Astenia, Colite, Diarrea, Edemi, Emorragie (epistassi, emottisi, metrorragie), Gotta, Insufficienza pancreatica, Reumatismi, Rinite allergica (parti aeree), Ritenzione di liquidi (parti aeree), Ulcere gastriche.

Uso esterno (foglie e radici)
Acne, Gengive sanguinanti, Perdita dei capelli

Ingredienti
Estratto idroalcolico in rapporto D/E da pianta fresca 1:2,3 di Ortica (Urtica dioica L.).

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose massima giornaliera pari a 150 gocce corrispondenti a 3,6 g di estratto idroalcolico di Ortica radice.

Controindicazioni
L'uso della radice, a causa della sua attività su androgeni ed estrogeni e dell'azione uterotonica, è controindicato in gravidanza, allattamento e nei bambini sotto i 12 anni, oltre che per i soggetti allergici alle Urticaceae. A causa dell'azione diuretica, la somministrazione nello scompenso cardiaco e nell'insufficienza renale deve avvenire sotto controllo medico.

Interazioni
Nessuna registrata. Potrebbe in via teorica interagire con antipertensivi, di cui potrebbe potenziare l'effetto per la sua azione ipotensivante indiretta deprimenti del SNC, di cui potrebbe potenziare l'azione per sinergia, anticoagulanti, di cui potrebbe diminuire l'azione per il suo contenuto di vitamina K.

Effetti collaterali
La pianta si è dimostrata ben tollerata in numerosi studi. Occasionalmente sono stati segnalati lievi disturbi gastrointestinali come diarrea e nausea e per uso esterno rash e prurito.

Formato: Flacone in vetro da 50ml